MANNUCCI DROANDI | Il Chianti Classico è 300 anni giovane (Articolo originale in Inglese)
Produttori Toscani di Vini biologici e olio di oliva di qualità | Italian Organic producers of Tuscan wines and extra-virgin olive oil
Chianti wines, Vini del chianti, Olive oil Chianti, vini biologici, vino biologico, organic wines, organic olive oil, organic italian wines, quality italian wines, organic chianti classico, mannucci droandi, vini biologici toscani, organic tuscan wines, the best italian wines, wines to look for, amazing italian wines, italian wines to try
21194
post-template-default,single,single-post,postid-21194,single-format-standard,ajax_updown_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-10.1.1,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.2.1,vc_responsive

Il Chianti Classico è 300 anni giovane (Articolo originale in Inglese)

Il Chianti Classico è 300 anni giovane (Articolo originale in Inglese)

castello_di_albola_020

Il Chianti Classico è 300 anni giovane

Giovedì, 22. dicembre 2016 – 10:45
Castello di AlbolaCastello di Albola

Il 24 settembre 1716, il duca di Toscana Cosimo III de ‘Medici ha emesso un decreto in cui definisce l’area produttiva di quattro rinomati vini: Carmignano, Pomino, Valdarno di Sopra e Chianti. Quest’ultimo doveva essere coltivato tra Firenze e Siena nelle colline di Castellina, Radda, Gaiole (tutte e tre che formano la storica Lega Chianti) e Greve in Chianti. 19 anni prima di Tokaj e 51 anni prima del porto, il Chianti divenne così il primo vino regolamentato al mondo.
Il 26 settembre 1872, il secondo ministro italiano dell’unito italiano, Bettino Ricasoli, vincitore esperto, ha proposto una riforma della miscela del vino Chianti. Il Canaiolo finora dominante non dovrebbe superare il 20%, sostituito dal più “profumato e vigoroso” Sangiovese, con uno spruzzo di Malvasia bianca “per renderlo più leggero e più pronto a bere”. Quella miscela è rimasta la norma per oltre un secolo.
Il 31 luglio 1932, l’amministrazione Mussolini aumentò l’area produttiva del Chianti per un fattore di tre, compresi i territori che non avevano niente a che fare con il Chianti: Pisa nel nord-ovest e Arezzo nel sud-est. Come consolazione, il Chianti storico (che si estende alle città vicine Tavarnelle e Castelnuovo Berardenga) potrebbe chiamarsi Chianti Classico. La confusione continua fino ad oggi: il Chianti DOCG produce bottiglie di 100m ad un prezzo medio di € 1,00 ($ 1,11). Può essere un buon vino ma non ha mai la profondità e la qualità di un Chianti Classico. Tuttavia i consumatori mescolano regolarmente i due.
Il collasso
Ogni analisi di una zona vinicola si apre con una panoramica storica, ma non è giustificata come nel caso del Chianti. La scamma del Chianti di Mussolini non era l’unico problema. Produttori scrupolosi abusavano la ricetta Ricasoli, aggiungendo il Trebbiano bianco ad alto rendimento al vino rosso per aumentare la produzione. Dopo la seconda guerra mondiale, sebbene commercialmente riuscito, il Chianti veniva essenzialmente ridotto ad un sottile vino da tavola, venduto in bottiglie di fiasco in vimini ubiquo. Questo si sovrapponeva a una rivoluzione sociale: il sistema agricolo di mezzadria (50/50) si disintegrò mentre i lavoratori rurali migrarono in città. Entro un decennio, il Chianti, come molte regioni italiane, era quasi deserto. Ancora oggi, vecchie case di pietra a Isole e Olena o Fèlsina, una volta affollate di attività, rimangono vacanti.
Ci sono voluti una generazione di imprenditori audaci per sollevare la fenice del Chianti dalle ceneri della fine degli anni ’60 e ’70. Sono stati fondati gli edifici come Fèlsina, Fontodi, Isole e Olena, Querciabella, Riecine, Montevertine, Cecchi e San Giusto. Grandi famiglie nobili, duramente colpite dall’esodo rurale (la Ricasolis aveva le proprie proprietà ridotte da una dozzina di castelli a due), ha sviluppato nuove idee: il Tignanello di Antinori del 1971 è stato il primo Sangiovese ad invecchiare in barriques francesi, mescolato a Cabernet.
A quel tempo, le regole del Chianti Classico DOC rendevano obbligatorie le uve bianche, mentre vietavano varietà francesi. I vignaieri capi rapidamente realizzarono che questo non era la strada verso la qualità. Alcuni hanno optato per il 100% di Sangiovese, compreso il Vigorello di San Felice, realizzato per la prima volta nel 1968. Altri hanno piantato Cabernet e Merlot. Ma legalmente quei vini non erano Chiantis, quindi dovevano essere etichettati come vini da tavola: è nata la categoria di super vini da tavola o super toscani.
La rinascita
Nei primi anni Novanta, tale era l’estensione della secessione dal DOCG e l’entusiasmo per le uve francesi che sembrava che Sangiovese sarebbe stato eliminato. Alcune cantine hanno abbandonato totalmente la denominazione, come Montevertine e La Massa, che sono andate fino a mettere l’immagine di un gallo nero arrosto sulle sue etichette. I vini più importanti della Toscana, tra cui il Tignanello di Antinori, il Cepparello di Isole e Olena e il Flaccianello di Fontodi, sono ancora oggi IGT Toscana piuttosto che Chianti Classico, anche se potevano reclamare quest’ultimo nome dopo che le regole venivano aggiornate nel 1996, abbattendo le uve bianche e autorizzando Cabernet e Merlot.
Tuttavia, la svolta a favore del pubblico non è stata niente di straordinario. I super toscani non sono più prudenti; Un degustatore italiano ha recentemente descritto alcuni marchi principali come “un oceano indiano di nuova quercia anacronistica”. Sangiovese e Chianti Classico DOCG sono diventati di nuovo sexy, in quanto i consumatori e i produttori, stanno riscoprendo il suo vero carattere. In una sorprendente torsione del destino, alcune proprietà stanno reintroducendo uva bianca e bottiglie fiasco.
L’uva
C’è un accordo generale sul modo in cui Chianti Classico è l’uva Sangiovese. Una volta criticato per i suoi “difetti”: l’elevata acidità, i tannini raspiati e la mancanza di colore che le uve francesi avrebbero dovuto “correggere”, ora è abbracciato per quello che è: un liquido acido-driven, occasionalmente rustico e malleabile. Autorizzato fino al 75% nella miscela fino al 1996, Sangiovese rappresenta oggi in media il 93% dei vini Chianti Classico. Federica Stianti Mascheroni di Volpaia dice: “Sangiovese è la vera essenza del Chianti; Senza uve bianche, abbiamo ottenuto una nuova struttura e intensità “.
Ciò è stato reso possibile anche da un focus sui cloni. La maggior parte delle piantagioni di Sangiovese degli anni ’60 e ’70 favorivano un’elevata resa sulla qualità. Nel 1987 è stato lanciato un programma senza precedenti denominato Chianti Classico 2000, che ha portato alla scelta degli otto cloni più qualitativi di Sangiovese. Ha anche rivalutato varietà storiche minori, dal buon vecchio Canaiolo (occasionalmente imbottigliato separatamente, anche in Australia) attraverso la vellutata Malvasia Nera, Mammolo fiorito, Colorino profondamente colorato, Ciliegiolo fruttato, fino alla ultra-rara Barsaglina, Foglia Tonda (Mannucci Droandi Fa esempi varietali) e il ricco, carnoso Pugnitello, l’esatto contrario di Sangiovese ma impressionante come solista, in particolare a San Felice. Complessivamente, 4.500 ettari sono stati ripiantati.
I cambiamenti nella miscela varietale e le tecniche di vinificazione, in particolare sostituendo nuove barriques francesi con i classici botti di barili italiani da 2.000 a 5.000 L, hanno scatenato uno spostamento nello stile. I vini del Chianti Classico di oggi sono più leggeri in tonalità, più nitidi e più bevibili, alcuni ancora unaked. Mentre Super Tuscans ha lavorato bene con trofei come le grandi bistecche di Fiorentina, il Chianti “riformato” è una partita migliore con la tradizionale cucina toscana ricca di cereali, pomodori e verdure ricche come il cavolo nero.
Il livello superiore
I cambiamenti negli stili di vino sono guidati dal mercato e dai produttori. Ma il Consorzio Vino Chianti Classico, associazione dei vignaioli che governa la produzione e il marketing, è anche stato particolarmente attivo nell’ultimo decennio. Il suo simbolo, il Gallo Nero – un gallo nero, dopo una leggenda medievale della lega del Chianti – mostrato sul collo di ogni bottiglia del Chianti Classico, è diventato un marchio forte.
La svolta è avvenuta nel 2012. Sulla base di una nuova legge italiana, il Consorzio, come il primo in Italia, è diventato l’organo esclusivo per la protezione e la promozione del Chianti Classico. I contributi dei produttori sono diventati obbligatori e non volontari. (L’assenteismo in corpi simili è una vera «malattia italiana».) I non membri come Antinori, il più grande imbottigliatore, non avevano altra scelta se non unire e il bilancio del Consorzio è aumentato notevolmente. Misure introdotte dal momento che includono centri turistici a Firenze e Radda in Chianti; Un nuovo progetto di tracciabilità; Un moto per il Chianti Classico per diventare patrimonio mondiale dell’UNESCO; E, soprattutto, una nuova categoria di vini, il Chianti Classico Gran Selezione. Il fautore dell’attuale presidente Marco Pallanti del Castello di Ama, Gran Selezione, si trova al di sopra del Chianti Classico e del Chianti Classico Riserva, nel tentativo di abbinare le due più famose denominazioni italiane, Brunello di Montalcino e Barolo. Le uve devono provenire dai vigneti e dall’età di 30 mesi prima dell’approvazione da parte di un pannello di degustazione. I produttori erano inizialmente tiepidi circa l’idea, con soli 25 liberando una Gran Selezione. Anche i critici italiani e internazionali hanno messo in discussione l’esigenza di invecchiamento eccessivo, l’alcol alto della maggior parte dei vini e il fatto che includesse Riservas esistenti meritassero come Gran Selezione piuttosto che nuovi sforzi qualitativi.
Gradualmente, 100 produttori hanno adottato il concetto, e Gran Selezione rappresenta oggi il 4% della produzione di denominazione (Riserva è del 30%). Nuove uscite sono arrivate da produttori come Isole e Olena (anche se il proprietario Paolo De Marchi aveva inizialmente scartato Gran Selezione come “una scatola vuota”), Albola (Il Solatio), Ama, Antinori (Badia a Passignano), Bibbiano (Capannino) , Cacchiano (Millennio), Casa Emma, ​​Fontodi (Vigna del Sorbo), Fèlsina (Colonia), Fonterutoli, Montegrossi (San Marcellino), Ricasoli (due vini), Rocca delle Macìe (due vini), San Felice (Il Grigio) Vicchiomaggio (La Prima) e Volpaia (Il Puro). Più del 60% di questi imbottigliamenti esistevano molto prima dell’avvento della Gran Selezione, quindi non si può parlare di particolari selezioni: ad esempio, il Ducale Oro di Ruffino produce non meno di 400.000 bottiglie, un terzo di Gran Selezione.
Ma molti produttori leader come Coltibuono, Monsanto, Querciabella e San Giusto rimangono fuori dal sistema. Alcuni sommelier sono anche indifferenti: Norbert Dudziński di Geranium a tre stelle a Copenaghen dice: “i nostri ospiti si occupano di più del produttore che della categoria”, mentre Piotr Pietras del London’s Launceston Place aggiunge: “Elenco solo Riservas. Non vedo la Gran Selezione come una categoria pertinente. “Luca Mittica, responsabile dell’esportazione di Bibbiano, sostiene in fretta:” Commerciale, Gran Selezione non funziona “.
La nuova apertura
Paradossalmente, i percorsi Gran Selezione, mentre l’interesse per il diritto Chianti Classico è a livelli record. Il ‘nuovo’ (anche se lo chiama “tradizionale”) di vini, con la sua calda rubino, il corpo medio, la vera eleganza, la bevibilità e l’acidità rinfrescante, attrae una nuova generazione di bevitori.
Per Paolo De Marchi, il punto di svolta è stato il 2002 – considerato una vendemmia povera – in cui ha comunque deciso di spazzare il suo fiammeggiante Cepparello in uno stile scandaloso e leggero. “È il mio Volnay”, De Marchi rimproverò critici sgomenti. Per gli altri, è stata l’annata calda 2007 quando alcuni Classicos hanno superato il 15,5% abv e si sono resi conto che era il momento di ripensare lo stile.
Nel corso degli anni, il Chianti Classico è stato benedetto con grandi viticoltori, da Giulio Gambelli a Carlo Ferrini, Franco Bernabei e Riccardo Cotarella. Ma ora c’è una consapevolezza dell’effetto omogeneizzante dei consulenti. La giovane generazione di viticoltori, come Diego Finocchi di L’Erta di Radda, sta abbracciando nuove idee di individualismo e terroir. Anche un numero crescente di viticoltori femminili contribuiscono. Nel frattempo, gli stabilimenti consolidati stanno diversificando l’offerta: la Fattoria Poggerino ha introdotto un rosato scintillante mentre il Santa Lucia di Castello dei Rampolla è un Sangiovese fatto in anfore senza aggiunta di SO2. Giuseppe Mazzocolin di Fèlsina ha sostenuto olio d’oliva super-premium, adottando il protocollo Olio Secondo Veronelli; È fiducioso in una ripresa della coltivazione dell’olivo, l’unico raccolto per sfidare la monocoltura della vite del Chianti.
Grandi produttori, come ad esempio Antinori, GIV e Zonin, stanno lavorando anche sulla qualità; Castello di Albola, di proprietà del gigante del Veneto, Zonin, è attualmente una delle più preziose proprietà, e un altro sovracoperta è l’ampia cooperativa Agricoltori del Chianti Geografico. Il risultato è l’esilarante diversità che sostituisce l’ex gerarchia rigida.
La sfida
Sorprendentemente, l’attuale focus sul terroir è una novità per il Chianti. Nonostante la bellezza bucolica del suo paesaggio, la regione non è mai andata in profondità nella sua geologia e nel microclima. Alcune case hanno riuscito a tradurre le loro sottostrelle in profili di sapore distintivo, come Lamole di Lamole o il cluster di produttori del sud della città di Castelnuovo Berardenga. I due gemelli di Fèlsina Rancia e Fontalloro (quest’ultima non denominata Chianti) sono stati un primo studio di sottili differenze di terroir, ma in generale il singolo vigneto del Chianti ha semplicemente significato un posizionamento più elevato. I vini Cru hanno apprezzato una vinificazione più curata, più quercia e talvolta l’aggiunta di uve francesi, in modo da renderne difficile la loro adesione ad uno specifico terroir. È sorprendente che la coppia di Panzano e Lamole di Castelli del Grevepesa appena rilasciata e una simile serie progettata da Querciabella rappresentano il primo tentativo di distinguere chiaramente i vini del paese.
Che cosa è veramente necessario per il Chianti Classico è una zonazione – una suddivisione della grande denominazione in unità più piccole, intelligibile per il consumatore. Come dice Sebastiano Cossia Castiglioni di Querciabella, “Chianti Classico ha bisogno di adottare un approccio più burgundese e concentrarsi sulle idiosincrasie che rendono unica singola sottosezione”.
Giuseppe Mazzocolin va ancora di più, postulando “mappatura singoli vigneti”. Molto in ritardo, questo è comunque un progetto molto più ambizioso di Gran Selezione.
Il problema, come sempre in Italia, è la politica locale. I produttori più piccoli sono favorevoli a un approccio di questo tipo a quello di Borgogna, ma gli imbottigliatori più grandi, che miscelano invariatamente i loro vini di base in tutta la regione, sono riluttanti a vedere una nuova classe di vini al di sopra dei loro principali marchi. Salutando il trentennale della denominazione, il Presidente del Consorzio Sergio Zingarelli afferma: “Possiamo celebrare la previsione di Cosimo III nell’identificare un territorio fondamentale per la qualità del vino”. In caso affermativo, la zonazione diventa il compito più rigoroso per il Consorzio.
Altre sfide stanno avanti. Si sta ricevendo il messaggio di come il Chianti Classico si differenzia dal Chianti. Dato che la denominazione DOCG del Chianti, come diritto acquisito, non può essere abolita, significa spiegare ai consumatori perché alcuni Chianti non sono veri Chianti. Questo non sarà aiutato dalla quantità di mediocre Classico seduto sugli scaffali di supermercati a € 5,00 o meno per bottiglia. L’altra sfida è la sostenibilità. Il Chianti è una bella, rurale, isolata area, ma la monocoltura a base di sostanze chimiche è un problema. Un certo numero di proprietà si sono convertite in organici e ci sono produttori biodinamici tra cui Le Montanine, Montesecondo, Rampolla e Riecine. Cossia Castiglioni osserva: “Sono stati fatti enormi passi in avanti in termini di agricoltura responsabile. Quando abbiamo intrapreso la nostra conversione alla viticoltura biologica a Querciabella alla fine degli anni ’80, l’eliminazione di pesticidi sembrava un’idea radicale “.
Tuttavia, non c’è mai stato un momento migliore per bere il Chianti Classico. La qualità è salita sul tavolo e il revival del Sangiovese genera uno stile veramente distintivo di vino. 2.500 anni dopo che gli Etruschi hanno addomesticato la vite sulle colline tra Firenze e Siena, 300 anni dopo che la zona ha ricevuto la sua prima denominazione, l’avventura del Chianti è solo inizio. Sarà un viaggio lungo e emozionante.
Wojciech Bońkowski
Link del articolo:

https://www.meininger.de/en/wine-business-international/chianti-classico-300-years-young