MANNUCCI DROANDI | Il Vigneto Sperimentale
Da circa dieci anni, l’azienda collabora con la Sezione di Arezzo dell’Istituto Sperimentale per la Viticoltura del Ministero delle Politiche Agricole e Forestali: in un primo momento con progetti finalizzati alla messa a punto di metodi di monitoraggio e di lotta nei confronti di infestanti crittogamiche o parassitarie come l’oidio e la tignola, nell’intento di ridurre al minimo l’uso di prodotti chimici in vista di una viticoltura eco-compatibile (attualmente nella nostra azienda non si usano anticrittogamici di sintesi chimica, mentre per la concimazione vengono usati soltanto concimi organici);
vigneto sperimentale, mannucci droandi, uve madri, foglia tonda, barsaglina, pugnitello, Arezzo dell'Istituto Sperimentale per la Viticoltura del Minitero delle Politiche Agricole e Forestali, Conservazione del germoplasma viticolo della Provincia di Arezzo,
47
page-template-default,page,page-id-47,page-child,parent-pageid-31,ajax_updown_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-9.1.3,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.2.1,vc_responsive

Il vigneto sperimentale

Vini Della Memoria

....La consapevolezza di essere i primi a presentare questi vini sul mercato ci dà la sensazione di un dovere compiuto, il piacere di proporre qualcosa che torna alla vita da un passato anche remoto: un’emozione, che vogliamo condividere con chi assaggerà questo vino.

PUGNITELLO 

FOGLIA TONDA 

BARSAGLINA

Dal 1994 l’azienda collabora con la Sezione di Arezzo dell’Istituto Sperimentale per la Viticoltura del Ministero delle Politiche Agricole e Forestali. Inizialmente con progetti finalizzati alla messa a punto di metodi di monitoraggio e di lotta nei confronti di infestanti crittogamiche o parassitarie come l’oidio e la tignola, nell’intento di ridurre al minimo l’uso di prodotti chimici in vista di una viticoltura eco-compatibile (attualmente nella nostra azienda non si usano anticrittogamici di sintesi chimica, mentre per la concimazione vengono usati soltanto concimi organici). Poi in un secondo momento abbiamo deciso di creare un vigneto sperimentale nel quale sono stati impiantati vecchi vitigni un tempo diffusi nella zona ed ora a rischio di estinzione. Dai primi anni ’90, nei vecchi vigneti, nei campi abbandonati, cerchiamo vitigni di cui si è persa memoria che costituiscono il patrimonio ampelografico della Toscana, immenso e a rischio di erosione. Per contribuire a salvarlo, con le uve di quelle vecchie viti, abbiamo piantato questi vitigni “ritrovati” in due vigneti sperimentali.

A partire dalla vendemmia 2000, abbiamo effettuato le prime microvinificazioni. Alcune sono risultate così interessanti che abbiamo deciso di imbottigliarne il vino. I vini prodotti a tutt’oggi sono la Barsaglina, il Foglia Tonda, il Pugnitello, il Mazzese dal 2015 e presto il Lacrima del Valdarno.

La consapevolezza di essere i primi a presentarli sul mercato ci dà la sensazione di un dovere compiuto, il piacere di proporre qualcosa che torna alla vita da un passato anche remoto: un’emozione, che vogliamo condividere con chi assaggerà questi vini che abbiamo denominanto “Vini della memoria”.

Uve madri

Uve madri: Fogliatonda

Foglia Tonda

barsaglina

Barsaglina

pugnitello

Pugnitello

mazzese

Mazzese

Uve madri: Sangiovese Montanino

Sangiovese Montanino

Uve madri: Mammolo

Mammolo

Uve madri: Colorino

Colorino

Bonamico

Bonamico