MANNUCCI DROANDI | +Le proprietà
Produttori Toscani di Vini biologici e olio di oliva di qualità | Italian Organic producers of Tuscan wines and extra-virgin olive oil
Chianti wines, Vini del chianti, Olive oil Chianti, vini biologici, vino biologico, organic wines, organic olive oil, organic italian wines, quality italian wines, organic chianti classico, mannucci droandi, vini biologici toscani, organic tuscan wines, the best italian wines, wines to look for, amazing italian wines, italian wines to try
18306
page-template-default,page,page-id-18306,ajax_updown_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-10.1.1,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.2.1,vc_responsive

+Le proprietà

Condotta con il metodo dell’Agricoltura Biologica, è costituita da due corpi principali. Il primo, il podere Campolucci (toponimo di origine latina: “campo del bosco sacro”),- è costituito da una grande casa colonica (già presente nei Catasti Granducali, è tuttora il centro aziendale ed ospita la cantina), da campi coltivati e da boschi ed è proprietà della mia famiglia dal 1929, quando venne acquistato dai miei nonni materni Ezio Mannucci e Isabella Carafa.

Le originarie coltivazioni promiscue di vite, olivo e cereali furono sostituite attorno al 1970 da vigneti e da oliveti specializzati per iniziativa di mio padre Alberto Mario Droandi e di mia madre Matilde Mannucci. Campolucci è situato sulle pendici orientali dei Monti del Chianti (comprensorio del Chianti sottozona dei Colli Aretini) ad un’altitudine di 250 m.s.l.m., sulla sommità di una collina esposta a Sud che guarda l’antico borgo fortificato di Caposelvi, nei pressi di Mercatale Valdarno (Comune di Montevarchi, Provincia di Arezzo).

Tutt’intorno, altri villaggi, castelli, pievi, ville, casolari a perdita d’occhio, disseminati qua e là sulle colline modellate nei secoli dalla mano dell’uomo, dove i campi di viti e di olivi si alternano ai boschi rigogliosi di querce, di lecci e di pini: un’area ancora non troppo conosciuta, ma di notevole interesse, intensamente vitata e che sta rivelando le sue grandi potenzialità a partire soprattutto dall’ultimo decennio, grazie all’impegno dei viticoltori che hanno iniziato a produrre vini di pregio.

Il secondo corpo, acquistato di recente, è il podere Ceppeto, costituito da vigneti e da oliveti piantati attorno ad una grande casa colonica di pietra squadrata (edificata nel XVIII° secolo sui resti di un antico romitorio) e circondato da folti boschi di querce e di castagni. Situato anch’esso sul lato Ovest dei Monti del Chianti (comprensorio del Chianti Classico zone), e più precisamente sulla pendice Sud (350 m.s.l.m.) della collina dominata dal castello di Starda (Comune di Gaiole in Chianti, Provincia di Siena).

Ceppeto è contornato da un ambiente incontaminato di selvaggia bellezza, dove il bosco sembra dominare i pochi coltivi. Fra questi monti scoscesi solcati da valli profonde, nasce il torrente Caposelvi, che trae il suo nome dal paese omonimo bagnato pochi chilometri più a valle: costeggiandone il corso a piedi, lungo il tracciato di vecchie strade e di sentieri, si può andare da un podere all’altro; un itinerario di notevole pregio naturalistico, che consente anche di visitare i ruderi e quello che resta delle opere idrauliche dell’antico molino di Starda.