Loader
Home - MANNUCCI DROANDI
Produttore biologico di vini Chianti Classico e olio extravergine di oliva in Toscana, Italia.
Mannucci Droandi, vini biologici toscani, vini biologici italiani, vini naturali, vini sani, vini climate change
15234
home,page-template-default,page,page-id-15234,bridge-core-3.1.2,cookies-not-set,,qode-title-hidden,qode-theme-ver-30.6,qode-theme-bridge,disabled_footer_top,qode-wpml-enabled,wpb-js-composer js-comp-ver-7.5,vc_responsive,elementor-default,elementor-kit-22044

logo

NOTIZIE RECENTI

logo

MANNUCCI DROANDI

Vini e Olio d’Oliva Biologici

L’Azienda Agricola Mannucci Droandi trae origine dalle tradizioni agricole e vinicole di un po’ tutti i rami della famiglia. I Mannucci furono proprietari terrieri in Valdarno almeno dai primi del  XIX° secolo; i Droandi si ha certezza che dal XVIII° furono coltivatori in Carmignano e poi fattori, come il non dimenticato Lorenzo Droandi (esponente di quella élite di agricoltori moderni e preparati che si ispirava agli insegnamenti di Cosimo Ridolfi e di Bettino Ricasoli) che nella seconda metà del XIX° secolo fu “ministro” (amministratore) della Fattoria del Borro in Valdarno, alla quale conferì la sistemazione giunta fin quasi ai nostri giorni. Leggi

Degustazione

Le degustazioni in cantina da Mannucci Droandi sono l’occasione per conoscere i vini e il territorio delle colline del Chianti Colli Aretini e del Valdarno superiore. L’azienda è condotta dal 2000 con il metodo dell’agricoltura biologica, Il vitigno principale è il Sangiovese e coerentemente con la scelta di salvaguardare la biodiversità l’azienda collabora con l’Unità di Ricerca per la viticoltura di Arezzo grazie alla realizzazione di un vigneto sperimentale nel quale sono stati piantati vecchi vitigni un tempo diffusi nella zona ed ora a rischio di estinzione. 

 

Con le uve di quelle vecchie varietà sono state fatte microvinificazioni che hanno offerto indicazioni promettenti, perciò alcuni vitigni come Foglia Tonda, Barsaglina e Pugnitello sono stati piantati nei vigneti per arricchire l’uvaggio e vinificati anche in purezza.

 

Nella degustazione si può scegliere tra i vini prodotti dall’azienda; il RossinelloToscana Sangiovese Rosato i.g.t., il Campigliole Toscana IGT Bianco da Trebbiano e Malvasia, il Chianti Colli Aretini,  il Ceppeto Chianti Classico , il Ceppeto Chianti Classico Riserva e il Campolucci Toscana IGT da Merlot, Cabernet e Syrah e infine il  Vinsanto del Chianti Classico.

Cosa dicono di noi….

Le nostre certificazioni

SUOLO E SALUTE

Suolo e Salute è un organismo di controllo e certificazione per l’agroalimentare e l’ambiente. Nasce dall’Associazione Suolo e Salute, fondata nel 1969, che in Italia ha realizzato la prima esperienza di promozione del metodo organico-minerale, dal quale l’agricoltura biologica trae i fondamenti.

SOLMACC

SOLMACC è un progetto quinquennale iniziato nel 2013 e che si concluderà nel 2018. Il progetto vuole dimostrare che, adottando una serie di pratiche di agricoltura biologica, l’agricoltura può diventare “climate-friendly”. Con il supporto e il costante monitoraggio di esperti agronomi, 12 aziende agricole dimostrative in tre Paesi europei(Italia, Svezia e Germania) stanno pertanto adattando e migliorando le loro tecniche agricole, con l’obiettivo di garantire un impatto a lungo termine sulla fertilità del suolo, sulla tutela della biodiversità e sulla capacità di adattarsi ai cambiamenti climatici.  I risultati del progetto saranno trasferibili ad altre aziende, sia biologiche che convenzionali.

CHIANTI CLASSICO

Siamo certificati nella produzione del vino Chianti Classico. Per avere diritto a una denominazione non è sufficiente, infatti, la provenienza da un determinato territorio, ma devono anche essere rispettate tutte le regole previste dal disciplinare di produzione, che stabiliscono le condizioni e i requisiti necessari perchè un vino possa fregiare della D.O.C.G. Chianti Classico.

CERTIFICATO BIOLOGICO 

Lo scopo principe di questo logo ‘EURO-LEAF’, definito “Logo di produzione biologica dell’Unione europea” dal Reg. CE n. 271/2010, è quello di fornire visibilità ai cibi e alle bevande biologiche, unitamente ad un sistema di garanzie che sia effettivamente percepito dai consumatori.