Loader
Vinsanto del Chianti Classico D.o.c.g. - MANNUCCI DROANDI
Mezzo ettaro, condotta con il metodo dell'Agricoltura Biologica, su terreno di medio impasto tendente all'argilloso, con forte presenza di scheletro, esposta a sud, ad una altitudine media di 300 m.s.l.m., assicura le migliori condizioni produttive che, unite a scelte agronomiche adeguate (conduzione del terreno con minima lavorazione, allevamento a cordone speronato corto, gestione della chioma in estate, selezione dei grappoli in vendemmia), garantiscono uve di grande qualità.
Vin Santo, Mannucci Droandi
18188
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-18188,bridge-core-2.5,,qode-theme-ver-23.5,qode-theme-bridge,disabled_footer_top,wpb-js-composer js-comp-ver-6.4.1,vc_responsive
 

Vinsanto del Chianti Classico D.o.c.g.

CEPPETO - dell'Agricoltura Biologica

Mannucci Droandi - CEPPETO-VINSANTO
Più informazione?

About This Project

Il Vino: Dalla vendemmia 2003 abbiamo deciso di produrre il Vinsanto non solo per l’uso familiare. Tuttavia, abbiamo continuato a farlo nello stesso modo tradizionale, con le uve di sempre appassite lentamente sui cannicci, nei caratelli piccoli e “sulla madre” ereditata dai nostri antenati, senza aggiunta di lieviti, per poter offrire agli appassionati la possibilità di gustare il Vinsanto che non c’è più: aromatico, armonico, elegante, dolce e asciutto nello stesso tempo.

La vigna: Mezzo ettaro, condotta con il metodo dell’Agricoltura Biologica, su terreno di medio impasto tendente all’argilloso, con forte presenza di scheletro, esposta a sud, ad una altitudine media di 300 m.s.l.m., assicura le migliori condizioni produttive che, unite a scelte agronomiche adeguate (conduzione del terreno con minima lavorazione, allevamento a cordone speronato corto, gestione della chioma in estate, selezione dei grappoli in vendemmia), garantiscono uve di grande qualità.


L’uvaggio: Trebbiano 50%, Malvasia Bianca del Chianti 30% e San Colombano 20%.

L’enologo: Gianfrancesco Paoletti

La cantina: Responsabile Roberto Droandi.


La Tecnica: i grappoli scelti, vendemmiati a mano, vengono stesi delicatamente su cannicci e lasciati appassire al coperto, esposti all’ambiente e senza forzature, per alcuni mesi. Quando hanno raggiunto la giusta disidratazione, di norma nel mese di Dicembre, le uve vengono diraspate e poi pigiate delicatamente. Il poco mosto che se ne ricava viene messo a fermentare e poi a maturare “sulla madre” (il fondo semi-solido che non viene mai tolto e che determina il carattere di ogni singolo vinsanto) nei caratelli (piccole botti di legni vari) collocati nella “Vinsantaia”, la particolare cantina situata nel sottotetto ed esposta agli sbalzi termici stagionali. Qui, senza subire ulteriori travasi né altri interventi di alcun genere, effettua un lunghissimo processo di fermentazione e di affinamento, che dura fino alla svinatura e al successivo imbottigliamento (almeno quattro anni dopo la vendemmia), raggiungendo così una grande concentrazione (circa cinque volte di meno rispetto al volume iniziale) e assicurando in tal modo un prodotto unico ed esclusivo.


 SCARICA: scheda tecnica


[WPCR_SHOW POSTID=”” NUM=”5″ PAGINATE=”1″ PERPAGE=”5″ SHOWFORM=”1″ HIDEREVIEWS=”0″ HIDERESPONSE=”0″ SNIPPET=”” MORE=”” HIDECUSTOM=”0″ ]

 

Vinsanto del Chianti Classico D.o.c.g.

CEPPETO - Organically grown

More information on this wine?

About This Project

”We do not add yeasts, so enthusiasts are able taste the Vinsanto of once upon a time: aromatic, harmonious, elegant, sweet and dry at the same time.”

 


 

Wine Since 2003 we have decided to produce Vinsanto for general and not only family use. However we chose to continue making it in the same traditional way, with grapes slowly dried on reed mats, in half-barriques and on the “mother sediment” inherited from our ancestors. We do not add yeasts, so enthusiasts are able taste the Vinsanto of once upon a time: aromatic, harmonious, elegant, sweet and dry at the same time.

Vineyard Half a hectare, organically farmed, on medium-textured clayey soil rich in stony material. South-facing at an average altitude of 300m a.s.l., this location ensures optimal productive conditions which, along with suitable agronomical choices (minimal treatment of the soil, short spurred cordon training, foliage thinning in summer, bunch selection during harvesting) guarantee fine quality grapes.

Blend Trebbiano 50%, Malvasia Bianca 30% and San Colombano 20%.

Enologist Gianfrancesco Paoletti

Cellar Roberto Droandi is the cellar manager.

Procedure the hand-picked, selected bunches are laid out delicately on reed mats and allowed to dry slowly and naturally in a covered room, in the air, for several months. When they are sufficiently dehydrated, usually in December, the grapes are destemmed and softly crushed. The small amount of resulting must is fermented and matured on the “mother sediment” (semi-solid sediment which is never removed and determines the character of every single Vinsanto), in half-barriques (small barrels of various types of wood) in the Vinsanto ageing area, a special loft area exposed to seasonal temperature changes. Here, the wine undergoes a long fermentation and maturing process, without further racking or any other interference, from drawing off until bottling (about four years after harvesting), thus reaching a high level of concentration (about five times less than the initial volume) which guarantees a unique and exclusive product.